Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Inizio anno in musica con il coro Amadeus

Riceviamo e pubblichiamo dall'Orchestra e Coro Sinfonico Amadeus.

Un capodanno ed Epifania in chiave musicale quella che ha visto protagonisti il coro e l'orchestra Amadeus in tre concerti eseguiti in soli cinque giorni nell'ambito della Stagione "Itinerari Musicali" 2016, sostenuta dalla Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus e patrocinata dalla Provincia di Varese. Dopo i concerti natalizi, la Stagione “Itinerari Musicali” è infatti ripartita dal concerto di Capodanno a Somma Lombardo organizzato dall'Amministrazione Comunale.

Il tutto esaurito era stato previsto per questo evento ormai appartenente alla tradizione sommese ed i pochi biglietti ancora disponibili il giorno stesso presso il Teatro Italia sono stati esauriti in pochi minuti. Un successo di pubblico a cui i musicisti, diretti dal Maestro Marco Raimondi, sono abituati e che cresce di concerto in concerto. Un pubblico entusiasta che ha infine strappato ben tre fuori programma e sottolineato il successo del concerto con una lunga standing ovation finale per tutti: il  coro, l'orchestra, le voci soliste del soprano Ilaria Torciani e del tenore Filippo Pina Castiglioni ed il sempre brillante Maestro Raimondi.

L'ottimo livello del concerto si è infatti percepito immediatamente, dopo il grande apprezzamento del pubblico per l'interpretazione dell'ormai tradizionale apertura con il "Bel Danubio Blu". Nell'intervallo, dopo la bella interpretazione di Ilaria Torciani nell'aria di Norina del Don Pasquale di Donizetti, l'amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco e dagli assessori competenti, insieme alla Pro Loco, hanno voluto sancire l'ufficialità dell'evento con la consegne delle benemerenze annuali di merito ai commercianti ed artigiani sommesi.

Presente anche il Segretario Generale della Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus, Carlo Massironi, soddisfatto per il grande successo di pubblico. Successo confermato domenica 3 gennaio a Castellanza con la chiesa di San Giulio completamente gremita di gente per il tradizionale concerto dell'Epifania sostenuto da Fondazione e Parrocchia, con il patrocinio del Comune di Castellanza. Il coro e l'orchestra diretti da Marco Raimondi, con Enrico Raimondi prima all'organo e poi al pianoforte, hanno eseguito un programma natalizio che ha spaziato dai tradizionali brani natalizi ad alcune rielaborazioni inedite di brani contemporanei di ispirazione natalizia.

Particolarmente entusiasta anche il neo parroco di Castellanza, Don Valter, che ha voluto sottolineare i contenuti proposti nel concerto e ben spiegati dal Maestro Raimondi, insieme al grande apprezzamento da parte del pubblico.  Degno finale di questo trittico musicale è stato infine il grande concerto di martedì 5 gennaio al teatro Giuditta Pasta di Saronno con Coro e Orchestra Sinfonica al completo e con le voci soliste di Ilaria Torciani, soprano e Filippo Pina Castiglioni, tenore per il V° Concerto dell'Epifania organizzato dall'Associazione Culturale "Sicilia a Saronno" per raccogliere fondi da devolvere a realtà diverse del saronnese. Quest'anno è stata la volta di UNITALSI che ha beneficiato del risultato di un afflusso di pubblico davvero eccezionale. 

"Un concerto che è divenuto ormai una delle più preziose tradizioni del territorio" ha voluto sottolineare il presidente di "Sicilia a Saronno", avvocato Corrado Belfiore, "un concerto che ha raccolto negli anni sempre più pubblico, sensibile al binomio tra ottima musica e solidarietà sociale", Oltre alle autorità cittadine, civili e religiose, era presente anche Carlo Massironi, Segretario Generale della Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus, che ha rimarcato l'ennesimo successo delle iniziative patrocinate dalla Fondazione. Interessante anche il programma proposto che, accanto ad arie dell'opera lirica italiana ha visto anche l'esecuzione alcune perle musicali quali il "coro dei pellegrini" dal Tannahuser di Richard Wagner ed il finale del 2° atto di Aida. Una standing ovation finale ha costretto il Maestro Raimondi a concedere altri tre bis, il brindisi di Traviata, l'inno alla gioia di L.Van Beethoven e l'ormai immancabile Inno d'Italia.

(Jacopo Bogo)

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI