Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



Legnano - Pavia 70-52

  • LEGNANO
  • giovedì 29 dicembre 2016
  • 1176 Letture

Legnano - Pavia 70-52

Legnano: Navarini 10, Raivio 16, Frassineti 6, Mosley 13, Sacchettini 8, Battilana, Palermo 7, Tognati 4, Maiocco 4, Panizza 2

Pavia: Fossati 2, Degrada 12, Verri 17, Biakowski 5, Sifford 4, Henderson 3, Ferri 6, Pinoli 3


Amichevole messa in piedi in poco tempo quella disputata dai Knights contro Pavia, vista l’impossibilità di recarsi a Reggio Calabria data l’indisponibilità del PalaPentimele a causa di un guasto elettrico. Oltre un centinaio gli spettatori.

Pavia, prima nel proprio girone di serie C Gold e con un americano come Marshall Henderson in grado di ben figurare anche in categorie superiori, ha retto per i primi due quarti, per poi cedere vistosamente nella seconda parte di gara contro una Legnano priva di Frassineti, solo una breve apparizione per lui, prima del riacutizzarsi del problema al polpaccio, di Martini e di Ihedioha. 70 a 52 il punteggio finale con tante rotazioni di giovani per la squadra di Mattia Ferrari, che ha voluto giustamente dare spazio a chi, come Sacchettini e Navarini, disputa pochi minuti in campionato,

Da Reggio Calabria a Tortona, passando per Pavia, può sembrare una sequenza strana ma è quello che i Knights hanno avuto e avranno come cammino nei prossimi giorni, cosa cambia nei programmi di preparazione lo chiediamo al coach biancorosso.

Mattia Ferrari: “E’ cambiato molto, noi avevamo fatto tre allenamenti per preparare la partita ed abbiamo dovuto reinventarci questi ultimi due giorni, ringraziamo Pavia che ci ha permesso di fare un buon lavoro, adesso ritorniamo in una routine normale, dal 1° gennaio ci concentreremo sulla partita con Tortona. Da li partirà una settimana particolare con due partite in cinque giorni ed una trasferta lunghissima”.

Non una settimana coach, un mese….
Ferrari: “Io non guardo così lontano, il mio problema era finire bene oggi, due giorni di riposo e adesso capire cosa si è fatto Frasso oggi. Ha avuto ancora un risentimento muscolare sempre nello stesso polpaccio, speriamo non sia una cosa grave”.

Facciamo una domanda antipatica, nel calcio la partita contro Reggio Calabria sarebbe stata data persa ai calabresi.
Ferrari: “Non conosco quali siano i regolamenti, so che, obiettivamente, se la Federazione l’ha spostata è perché ci sono regole che permettono questo, si può discutere se la regola ci piace o meno, noi siamo stati avvertiti alla fine dell’allenamento del giorno prima di partire. Non è comodo sicuramente però fa parte degli imprevisti di questa stagione, inutile stare li a pensarci troppo, guardiamo avanti, io vado a giocare quando me lo dicono, per gli aspetti regolamentari c’è la società che può rispondere a tutte le domande”.

Immagini di Luigi Frigo

(Sergio La Torre)