Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



185mila euro per la stagione del Teatro Tirinnanzi

  • LEGNANO
  • martedì 13 settembre 2016
  • 1385 Letture

Le minoranze  critiche sull'affidamento diretto per un anno al Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest della gestione del teatro Cittò di Legnano Talisio Tirinnanzi . Nonostante la procedura sia «regolare e prudenziale», parola di Stefano Mortarino, dirigente comunale delle attività culturali, mercoledì 14 settembre l'opposizione ha votato contro la variazione di bilancio che va ad aumentare il contributo economico, al netto di costi e ricavi, concesso dal Comune al consorzio - salito così a 185mila euro - per offrire un cartellone culturale di maggiore qualità adeguato al nuovo teatro cittadino: «Il consorzio bibliotecario si è dotato di un nuovo statuto che lo ha reso erogatore di servizi culturali  - ha precisato l'assessore alla Cultura, Umberto Silvestri motivando la scelta dell'affidamento - è un ente partecipato da enti pubblici al 100% e di conseguenza ha le stesse finalità di pubblico interesse che ha l'amministrazione comunale, la cui presenza è stretta dal punto di vista del controllo dei risultati economici e di gestione. Il consorzio si assume inoltre il rischio di impresa e ha l'obbligo del pareggio di bilancio». 

Oggetto della contestazione non è però la cifra stanziata e nemmeno la qualità del gestore. I consiglieri di minoranza si sarebbero aspettati un bando di gara, o, perlomeno, un loro maggiore coinvolgimento nella decisione di affidare direttamente al Csbno la gestione del teatro: «Chi ci dice che con altri operatori non avremmo potuto risparmiare o avere un cartellone di maggiore qualità?», la domanda sollevata dal consigliere comunale Letterio Munafò (FI), sostenuto dai colleghi di opposizione che avrebbero preferito discutere prima l'affidamento e solo in seguito i fondi da destinare al gestore: «Ci state chiedendo di firmare una cambiale in bianco», ha contestato la consigliera Daniela Colombo (Ncd). Il cartellone sarà presentata il 20 settembre. 

In apertura di consiglio comunale il consigliere comunale Luciano Guidi (Ncd) ha mostrato al pubblico uno spinello di carta chiedendo spiegazioni al sindaco su quanto riportato dal settimanale Sette Giorni in merito all'accensione sul palco del District Festival di uno spinello emulata da alcuni spettatori: «La legge è una e bisogna rispettarla», ha detto il consigliere che sulle unioni civili ha poi esortando ad essere più saggi dal punto di vista politico. Il pentastellato Riccardo Olgiati ha chiesto di tenere alta la guardia sul terzo binario il cui progetto sarebbe stato modificato, mentre Stefano Quaglia (Per Legnano) è tornato sul  Patto per Milano firmato dal premier Renzi: «E' inaccettabile che Sanla continui a pensare solo ai confini di Milano senza tenere conto di essere il sindaco di tutta la Città Metropolitana»

In merito alla lettera anonima di presunti criticità alla Rsa Sant'Erasmo, il sindaco ha riferito di avere visitato a sospresa la struttura e di avere parlato con una decina di ospiti di cui solo uno manifestava inefficienza. Centinaio ha inoltre chiesto la convocazione di un consiglio di amministrazione riferendo di avere riaperto la manifestazione di interesse per la candidatura nuovo Cda.

 

 

(Valeria Arini)