Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



Consiglio comunale: Dalmasio al posto di Radice

  • LEGNANO
  • lunedì 27 giugno 2016
  • 3134 Letture

Pioggia di interrogazioni sul consiglio comunale di Legnano, convocato per le serate del 27 e 28 giugno. A tenere banco tra i consiglieri di minoranza e maggioranza sarà ancora una volta l'emergenza profughi oggetto di due interrogazioni, della Lega Nord e di Per Legnano.

Ma la notizia principale è arrivata solo oggi, venerdì 24, con un'aggiunta di argomenti, primo fra tutti le dimissioni da consigliere comunale di Lorenzo Radice,, esponente di primo piano della lista Insieme per Legnano. Notizia, che almeno noi, trova impreparati. Una defezione grave per l'attività politico-amministrativa legnanese, considerato lo spessore di Lorenzo. Ieri sera, il suo "annuncio" enigmatico sulla pagina FB: "Leave or remain?" aveva scritto, ironizzando sul Brexit. In realtà, parlava di se stesso e, stamane, la decisione: Leave! Gli subentrerà Marco Dalmasio, nella foto.

Raggiunto telefonicamente in giornata, Radice ha spiegato«Le mie dimissioni dipendono esclusivamente da ragioni familiari e professionali. Non c'è nessun attrito con con la lista e con la coalizione di maggioranza, resterò vicino a Insieme per Legnano continuando a dare il mio contributo»

Richieste di chiarimento, poi, sui costi di riscaldamento dell'ex Tribunale, sede indicata dalla consigliera comunale Tiziana Colombo per l'accoglienza migranti. E poi ancora interrogazioni su viale Cadorna, sull'ex Ponzella, su Accam e sui centri estivi. Dalla consigliera Tiziana Colombo anche una mozione per la rimozione dei cassonetti degli abiti usati.

Sempre la consigliera Colombo del gruppo Per Legnano, poi, in relazione alla interrogazione sul parchetto di via Anna Frank anticipa: "Finalmente i giochi sono arrivati, mi riferisco ai giardini di via Anna Frank dove molti genitori e i loro bambini , da diversi mesi erano in attesa di poter di nuovo utilizzare il parchetto giochi. Ricordo che nella mia ultima interrogazione sull'argomento, l'assessore rispose che il parchetto di via Anna Frank sarebbe stato ripristinato entro  inizio primavera. Al di là della tempistica non rispettata, il vero pronlema é il risultato. Le immagini sono più che eloquenti. Una sola domanda mi sorge  spontanea:" nel privato chi pagherebbe mai per un lavoro eseguito in questo modo? Mentre quando si tratta di soldi pubblici....... ".  Sarò curiosa di sentire la risposta dell'Assessore Cusumano alla mia interrogazione sull'argomento, che presenterò nel prossimo consiglio Comunale di lunedì 27".

Tra gli ordini del giorno anche l'adesione del Comune di Rescaldina al Centro di Committenza Unico che vede già uniti Legnano e Nerviano e la delibera relativa alla modifica del Piano di intervento integrato relativo a via Jucker (Area Gran Casa) approvata dalla Commissione Consiliare Territorio. Tale modifiva prevede la cessione delle aree di decollo dei boschi Ronchi e la realizzazione del ponte ciclopedonale sulla via Barbara Melzi al fine di collegare le due porzioni di area verde.